Università Facoltà di Diritto Canonico www.iuscangreg.itCIC1983CCEODiritto per la Chiesa latinaDiritto orientaleDiritto particolareDiritto proprio / statutiFonti storicheGiurisprudenza STSAAccordi internazionaliSiti webLetteraturaPeriodica de re canonicaBibliografia canonisticaMotori di ricercaLinklistMappa sitoDocentiNoti professori del XX secolo
Giurisprudenza della Segnatura Apostolica in materia contenzioso-amministrativa
 
 

Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica
Decretum Secretarii del 05.03.2013, Prot. N. 47312/12 CA


Parte attrice Rev.dus N.
Parte convenuta Congregatio pro Clericis
Oggetto Revocationis facultatum
Pubblicazione J 76 (2016) 280; W.L. Daniel, Ministerium Iustitiae II, 701-703
Download
Traduzioni angl.: W.L. Daniel, Ministerium Iustitiae II, 701-703; J 76 (2016) 281
Contenuto Lis finita declaratur.
Fonti 
?
Legenda
 
Canoni del Codice 1983
Sono riportati nelle fonti tutti i canoni che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
Sono riportati in grassetto i canoni che costituiscono l’oggetto principale della decisione o sui quali la decisione enuncia un principio di interpretazione.
Sono riportati in corsivo i canoni del Codice 1983, che
- non appaiono nel testo della decisione ma dei quali la decisione tratta;
- sono corrispondenti a canoni del Codice 1917, dei quali la decisione, anteriore al 1983, tratta.

Altre fonti
Sono riportate tutte le fonti che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
CIC cann. 56; 1510
LP art. 76 § 3; art. 78 § 3
Massime
1. Elapso termino peremptorio lege statuto ad recurrendum ad Congressum adversus reiectionem in limine, lis finita declaratur.1. Trascorso il termine perentorio stabilito dalla legge per ricorrere contro il rigetto in limine del ricorso, la lite si dichiara finita.

Autore delle massime in lingua latina e della traduzione in lingua italiana: © G. Paolo Montini