Università Facoltà di Diritto Canonico www.iuscangreg.itCIC/1983CCEODiritto vigenteFonti storicheGiurisprudenza STSAAccordi internazionaliSiti webLetteraturaBibliografia canonisticaMotori di ricercaLinklistMappa sitoDocentiNostri maestri
Giurisprudenza della Segnatura Apostolica in materia contenzioso-amministrativa
 
 

Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica
Decretum Congressus del 10.01.2014, Prot. N. 47861/13 CA


Parte attrice D.na N et alii
Parte convenuta Congregatio pro Clericis
Oggetto Suppressionis paroeciae
Pubblicazione Ius communionis 4 (2016) 111-115
Download
Traduzioni hisp., Ius communionis 4 (2016) 111-115
Contenuto Recursus in limine confirmatur.
Fonti 
?
Legenda
 
Canoni del Codice 1983
Sono riportati nelle fonti tutti i canoni che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
Sono riportati in grassetto i canoni che costituiscono l’oggetto principale della decisione o sui quali la decisione enuncia un principio di interpretazione.
Sono riportati in corsivo i canoni del Codice 1983, che
- non appaiono nel testo della decisione ma dei quali la decisione tratta;
- sono corrispondenti a canoni del Codice 1917, de quali la decisione, anteriore al 1983, tratta.

Altre fonti
Sono riportate tutte le fonti che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
CIC can. 1734 §§ 1-2
Massime
1. Legem haud violat competens Curiae Romanae Dicasterium quod recursum hierarchicum ob defectum remonstrationis reiciat.
1. Non viola la legge il competente Dicastero della Curia Romana che rigetti il ricorso gerarchico per mancanza della rimostranza.
2. Intimatio decreti suppressionis paroeciae omnibus singulis fidelibus minime est necessaria, nam iuxta iurisprudentiam nullo modo requiritur ut ipsum formale decretum suppressionis ipsis paroecianis notificetur, adeo ut communicatio decisionis cum paroecianis per ephemerides peracta sufficiens sit, ad propositionem remonstrationis quod attinet.
2. Non è assolutamente necessaria la notificazione del decreto di soppressione della parrocchia a tutti e singoli i fedeli; infatti secondo la giurisprudenza non si richiede in alcun modo che lo stesso formale decreto di soppressione sia notificato agli stessi fedeli, in modo tale che sia sufficiente per la rimostranza da presentare che avvenga la comunicazione della decisione (della soppressione) attraverso riviste.
 tedesco - spagnolo - francese - portoghese
Commenti J.A. Nieva García, Comentario a los Decretos, Ius communionis 4 (2016) 129-131

Autore delle massime in lingua latina e della traduzione in lingua italiana: © G. Paolo Montini