Università Facoltà di Diritto Canonico www.iuscangreg.itCIC/1983CCEODiritto vigenteFonti storicheGiurisprudenza STSAAccordi internazionaliSiti webLetteraturaBibliografia canonisticaMotori di ricercaLinklistMappa sitoDocentiNostri maestri
Giurisprudenza della Segnatura Apostolica in materia contenzioso-amministrativa
 
 

Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica
Decretum Secretarii del 11.07.2012, Prot. N. 46613/12 CA


Parte attrice Sorores X
Parte convenuta Congregatio pro Institutis vitae consecratae et Societatibus vitae apostolicae
Oggetto Revocationis conventionis
Pubblicazione Apoll 88 (2015) 406-407
Download
Traduzioni it., Apoll 88 (2015) 408-410
Contenuto Recursum in limine reicitur.
Fonti 
?
Legenda
 
Canoni del Codice 1983
Sono riportati nelle fonti tutti i canoni che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
Sono riportati in grassetto i canoni che costituiscono l’oggetto principale della decisione o sui quali la decisione enuncia un principio di interpretazione.
Sono riportati in corsivo i canoni del Codice 1983, che
- non appaiono nel testo della decisione ma dei quali la decisione tratta;
- sono corrispondenti a canoni del Codice 1917, de quali la decisione, anteriore al 1983, tratta.

Altre fonti
Sono riportate tutte le fonti che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
CIC can. 57
PB art. 123 § 1
Massime
1. Conventio qua talis haberi nequit actus administrativus de quo in art. 123, § 1 Const. Apost. Pastor bonus.
1. Una convenzione non può essere per ciò stesso atto amministrativo di cui all’art. 123, § 1 della Costituzione Apostolica Pastor bonus.
2. Nec haberi potest ut actus administrativus interventus ex parte competentis Curiae Romanae Dicasterii, quippe quod conventionem haud subscripserit sed declaraverit nihil obstare quominus conventio illa in actum deduceretur; qua de re nec petitio revocationis haberi potest ut legitime proposita ad normam can. 57 atque ad effectus eiusdem canonis quod attinet.
2. Né può essere considerato atto amministrativo l’intervento del competente Dicastero della Curia Romana, che, senza aver sottoscritto la convenzione, abbia dichiarato che nulla ostava a che fosse messa in atto; di conseguenza neppure la domanda di revoca si può ritenere legittimamente presentata a norma del can. 57 e per gli effetti di cui allo stesso canone.
3. Petita exsecutionis suspensio ex recursu in limine reiecto iam non est in controverso.
3. La domanda di sospensione dell’esecuzione a seguito del rigetto in limine del ricorso cessa di essere pendente.
 tedesco - francese
Commenti C. Begus, «Adnotationes in Decreta», Apoll 88 (2015) 425-438

Autore delle massime in lingua latina e della traduzione in lingua italiana: © G. Paolo Montini