Università Facoltà di Diritto Canonico www.iuscangreg.itCIC/1983CCEODiritto vigenteFonti storicheGiurisprudenza STSAAccordi internazionaliSiti webLetteraturaBibliografia canonisticaMotori di ricercaLinklistMappa sitoDocentiNostri maestri
Giurisprudenza della Segnatura Apostolica in materia contenzioso-amministrativa
 
 

Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica
Decretum Secretarii del 03.06.2013, Prot. N. 47915/13 CA


Parte attrice D.na N.
Parte convenuta Pontificium Consilium pro Laicis
Oggetto Denegationis confirmationis electionis et nominationis Commissarii
Pubblicazione J 76 (2016) 282; 284; W.L. Daniel, Ministerium Iustitiae II, 713-716
Download
Traduzioni angl.: W.L. Daniel, Ministerium Iustitiae II, 713-716; J 76 (2016) 283; 285
Contenuto Recursus in limine reicitur ob elapsos terminos peremptorios.
Fonti 
?
Legenda
 
Canoni del Codice 1983
Sono riportati nelle fonti tutti i canoni che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
Sono riportati in grassetto i canoni che costituiscono l’oggetto principale della decisione o sui quali la decisione enuncia un principio di interpretazione.
Sono riportati in corsivo i canoni del Codice 1983, che
- non appaiono nel testo della decisione ma dei quali la decisione tratta;
- sono corrispondenti a canoni del Codice 1917, de quali la decisione, anteriore al 1983, tratta.

Altre fonti
Sono riportate tutte le fonti che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
CIC cann. 15 § 2; 201 § 2
LP art. 34 § 1; art. 74 § 1
Massime
1. Ignorantia legis (cf. can. 15, § 2) haudquaquam admitti potest (cf. can. 201, § 2), si et quatenus in ipso decreto impugnato de facultate recurrendi deque termino lege praestituto mentio explicita habeatur.
1. L’ignoranza della legge (cf. can. 15, § 2) non può assolutamente essere ammessa (cf. can. 201, § 2), se e per quanto nello stesso decreto impugnato vi sia esplicita menzione della facoltà di ricorrere e del termine a ciò stabilito dalla legge.
2. Iuxta legem canonicam a computatione termini de quo in artt. 34, § 1 et 74, § 1 LP dies feriati non eximuntur.
2. Secondo la legge canonica i giorni festivi non sono tolti dal computo del termine di cui agli artt. 34, § 1 et 74, § 1 LP.
 tedesco - francese - portoghese

Autore delle massime in lingua latina e della traduzione in lingua italiana: © G. Paolo Montini