Università Facoltà di Diritto Canonico www.iuscangreg.itCIC/1983CCEODiritto vigenteFonti storicheGiurisprudenza STSAAccordi internazionaliSiti webLetteraturaBibliografia canonisticaMotori di ricercaLinklistMappa sitoDocentiNostri maestri
Giurisprudenza della Segnatura Apostolica in materia contenzioso-amministrativa
 
 

Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica
Decretum Congressus del 09.06.1970, Prot. N. 124/69 CA


Parte attrice Rev.dus X
Parte convenuta S. Congregatio pro Clericis
Oggetto Iurium
Pubblicazione Apoll 43 (1970) 526-530
IC 12/23 (1972) 56-58
LE IV, n. 3867
Per 60 (1971) 333-337
Download
Contenuto De provisione parochi renuntiantis. Recursus non admittitur ad disceptationem.
Fonti 
?
Legenda
 
Canoni del Codice 1983
Sono riportati nelle fonti tutti i canoni che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
Sono riportati in grassetto i canoni che costituiscono l’oggetto principale della decisione o sui quali la decisione enuncia un principio di interpretazione.
Sono riportati in corsivo i canoni del Codice 1983, che
- non appaiono nel testo della decisione ma dei quali la decisione tratta;
- sono corrispondenti a canoni del Codice 1917, de quali la decisione, anteriore al 1983, tratta.

Altre fonti
Sono riportate tutte le fonti che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
CIC can. 1743
[CIC/1917] 2150 § 3 2154; 2155; 2161 § 2; 2161 § 3;  
Decretum «Maxima cura» can. 28 § 3;  
Ecclesiae Sanctae I, n. 20 § 1
Massime
1. Parochus renuntiare sub condicione non potest, quia Litterae Apostolicae motu proprio datae Ecclesiae Sanctae (n. 20, § 1) can. 2150, § 3 abrogaverunt. Quam ob rem pactum seu contractus inter Ordinarium et parochum renuntiantem hac de re ex iuris praescripto excluditur.
1. Il parroco non può rinunciare sotto condizione perché il motu proprio Ecclesiae Sanctae (n. 20, § 1) ha abrogato il can. 2150, § 3. Di conseguenza si esclude in ragione dello stesso prescritto del diritto un patto o un contratto in materia tra l’Ordinario e il parroco che rinuncia.
2. Non potest Ordinarius loci dioecesim vel Institutum dioecesanum obligare ut parocho renuntianti solvat usque ad mortem determinatam pensionem quae erogatur solummodo sacerdotibus a quolibet munere solutis, etiamsi renuntians aliunde habeat media necessaria ad congruam sustentationem.
2. Non può l’Ordinario del luogo obbligare la diocesi o l’instituto diocesano a pagare ad un parroco che rinuncia fino alla morte la pensione che viene erogata solo ai sacerdoti che non hanno alcun ufficio, anche se il parroco che rinuncia riceva da altre fonti mezzi necessari per un congruo sostentamento.
3. Nomine legis non solum Codicis praescriptum intellegitur, sed etiam pacta conventa seu contractus, quod et Signatura Apostolica admittit (in casu refertur ad decretum diei 6 aprilis 1920, in AAS 12 [1920] 257).
3. Con la denominazione di legge non si intende solo un prescritto del Codice, ma anche patti convenuti e contratti, ciò che anche la Segnatura Apostolica ammette (nel caso si fa riferimento al decreto del 6 aprile 1920, in AAS 12 [1920] 257).

Autore delle massime in lingua latina e della traduzione in lingua italiana: © G. Paolo Montini