Università Facoltà di Diritto Canonico www.iuscangreg.itCIC/1983CCEODiritto vigenteFonti storicheGiurisprudenza STSAAccordi internazionaliSiti webLetteraturaBibliografia canonisticaMotori di ricercaLinklistMappa sitoDocentiNostri maestri
Giurisprudenza della Segnatura Apostolica in materia contenzioso-amministrativa
 
 

Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica
Sententia definitiva del 24.11.1973, Prot. N. 2973/72 CA


Parte attrice Rev.dus X
Parte convenuta S. Congregatio pro Religiosis et Institutis Saecularibus
Diocesi Panormitana
Oggetto Suspensionis a divinis, privationis vocis activae et passivae, relegationis
coram Staffa
Pubblicazione Apoll 47 (1974) 368-376
CpR 56 (1975) 377-383
IE 28 (2016) 637-649
LE V, n. 4241
Per 64 (1975) 296-306
P.V. Pinto, Diritto amministrativo canonico, 418-423
P.V. Pinto, La giustizia amministrativa, 285-293
Download
Traduzioni angl., Digest VIII, 1144-1154
it., IE 28 (2016) 637-649
Contenuto Petitio ut controversia solveretur ad normam art. 107 REU reiecta est sive a Congregatione sive a Signatura Apostolica. Constat de violatione legis sive in procedendo sive in decernendo.
Fonti 
?
Legenda
 
Canoni del Codice 1983
Sono riportati nelle fonti tutti i canoni che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
Sono riportati in grassetto i canoni che costituiscono l’oggetto principale della decisione o sui quali la decisione enuncia un principio di interpretazione.
Sono riportati in corsivo i canoni del Codice 1983, che
- non appaiono nel testo della decisione ma dei quali la decisione tratta;
- sono corrispondenti a canoni del Codice 1917, de quali la decisione, anteriore al 1983, tratta.

Altre fonti
Sono riportate tutte le fonti che si leggono nella parte in iure e nella parte in facto delle decisioni.
[CIC/1917] 1747-1748; 1804 § 1; 1933 § 4; 2233 § 1; 2255 § 2; 2278; 2291, n. 11; 2298, n. 8; 2306-2309; 2310; 2331 § 2;  
REU art. 107
Massime
1. Praeceptum poenale est remedium gravius quam monitio et correptio, quod applicatur «monitionibus et correptionibus incassum factis, vel si ex eisdem effectum sperare non liceat» (can. 2310).
1. Il precetto penale è rimedio più grave dell’ammonizione e della riprensione, che si applica «nel momento in cui le ammonizioni e le riprensioni sono state fatte inutilmente, o se non è lecito sperare che siano efficaci» (can. 2310).
2. Ut praeceptum poenale legitime irrogetur, requiritur ut: a) delictum sit certum; b) Superior sit competens; c) reus audiatur idemque iure utatur quo pollet sese defendendi; d) testes, si qui sint, audiantur et periti; e) forma praescripta servetur in eo infligendo.
2. Per irrogare legittimamente un precetto penale, si richiede che: a) il delitto sia certo; b) il Superiore sia competente; c) il reo sia udito e usi del diritto di cui gode di difendersi; d) siano uditi i testimoni, se vi siano, e i periti; e) si osservi la procedura prescritta nell’infliggere il precetto.
3. Certitudo delicti praescribitur ad validitatem praecepti poenalis.
3. È prescritta per la validità del precetto penale la certezza del delitto.
4. Ius sese defendendi reo competit ex ipso iure naturae.
4. Al reo compete per lo stesso diritto naturale il diritto di difendersi.
5. Qua de re reus in ea condicione ponendus est ut se defendere possit ab ipso exordio actionis poenalis contra eum. Patet ergo legis violationem, id est errorem iuris in procedendo, patrari cum reus nec auditur nec potest se defendere antequam ei poenae canonicae infligantur (in casu ad nihilum habendum est quod reus audiri potuisset a competenti Curiae Romanae Dicasterio).
5. Perciò il reo deve essere posto nella condizione di potersi difendere dallo stesso principio dell’azione penale contro di lui. È chiaro perciò che si commette violazione di legge, ossia errore di diritto in procedendo, se il reo non è ascoltato e non può difendersi prima che gli infliggano delle pene canoniche (nel caso non conta nulla che il reo sarebbe potuto essere sentito dal competente Dicastero della Curia Romana).
6. Etiamsi auditio rei ad aequitatem tantum pertineret, non licet Superioribus contra
unum aequitatis praeceptum procedere in sodales suos; adhuc minus, errore patefacto, in eo perseverare (in casu tamen auditio rei legem quoque positivam in iure particulari constituit).
6. Anche se l’ascolto del reo appartenesse solo all’equità, non è lecito ai Superiori procedere contro i propri membri violando anche solo un precetto di equità; e ancor meno, manifestatosi l’errore, perseverare nella violazione (nel caso tuttavia l’ascolto del reo costituisce anche legge positiva nel diritto particolare).
7. Iuxta probatos auctores, peritorum sententiae, etsi concordes, de authenticitate alicuius scripturae, ad summum constituere valent probationem semiplenam. Hinc comparatio litterarum de se sola non sufficit ad plene probandum scripturam manu cuiuspiam esse factam, sed ad id requiruntur una simul alia adminicula, ut proprii scribentis sigilli appositio, subscriptio testium, auctorum attestatio (in casu tantum emendationes manu scriptae in epistulis anonymis, aliunde aliena machina scriptoria exaratis, habebantur rei).
7. Secondo la dottrina sicura, le opinioni dei periti, anche se concordi, sull’autenticità di una scrittura, possono costituire al massimo prova semipiena. Da ciò deriva che la collazione di lettere da se sola non basta a provare che uno scritto è della mano di qualcuno, ma si richiedono per questo anche altri amminicoli, come l’apposizione di un segno proprio di chi scrive, la sottoscrizione di testimoni, l’attestazione degli autori (nel caso del reo vi erano solo correzioni manoscritte di lettere anonime scritte da altri con una macchina dattiloscrivente appartenente ad altri).
8. Habetur error iuris in decernendo si deest debita probatio responsabilitatis rei. Consequenter in errorem iuris in decernendo incidit quoque competens Curiae Romanae Dicasterium, utpote quod Superiorum decisionem confirmat.
8. C’è errore di diritto in decernendo se manca la dovuta prova della responsabilità del reo. Di conseguenza cade in errore di diritto in decernendo anche il competente Dicastero della Curia Romana, in quanto conferma la decisione dei Superiori.
Commenti J. Canosa, «Note di commento alla sentenza definitiva […]», IE 28 (2016) 650-660

Autore delle massime in lingua latina e della traduzione in lingua italiana: © G. Paolo Montini